15.04.2021 |

Axpo lancia un’iniziativa sull’idrogeno in Svizzera

Share

Il progetto di Axpo è produrre idrogeno verde dall’energia del fiume Reno. L’impianto di produzione di idrogeno situato presso la centrale idroelettrica di Eglisau-Glattfelden in Svizzera è il primo di una serie che saranno commissionati da Axpo nei prossimi anni.

Pianificato per entrare in funzione nel 2022, l’impianto di produzione di idrogeno da 2,5 megwatt produrrà circa 350 tonnellate di idrogeno verde l’anno. Un progetto che farà risparmiare al settore del trasporto stradale più di 1,5 milioni di litri di gasolio all’anno.

Se la richiesta di idrogeno crescerà nel modo in cui ci si attende, la capacità dell’impianto potrà essere raddoppiata raggiungendo i 5 megawatt. Il collegamento diretto tra il sito di produzione e la centrale elettrica garantirà una produzione di idrogeno priva di impatti sul clima. I preparativi per il processo di approvazione finale inizieranno tra pochi giorni.

Axpo ha iniziato a pianificare un impianto di produzione di idrogeno nella stessa centrale già nel 2015. Tuttavia, il progetto non è stato portato avanti perché i volumi di vendita di idrogeno sono rimasti inferiori rispetto alle aspettative. Guy Bühler, Head of Hydrogen di Axpo, ha spiegato: "Da allora, la lotta contro il cambiamento climatico è diventata significativamente più importante, mentre l'idrogeno ha dimostrato di essere una fonte di energia adatta alla de-carbonizzazione nei settori della mobilità e dell'industria." 

In fase di Sviluppo una rete di stazioni di rifornimento di idrogeno

Mentre l’ecosistema dell’idrogeno nel settore della mobilità continua a svilupparsi in Svizzera, Axpo sta collaborando con Hydrospider AG per mettere in commercio l’idrogeno prodotto nello stabilimento di Eglisau-Glattfelden, consegnandolo direttamente dal sito di prodizione ad una rete di stazioni di servizio. Oggi, sulle strade della Svizzera, ci sono circa 50 truck alimentati da celle di combustibile a idrogeno. Secondo Hydrospider ce ne saranno oltre 1.600 nel 2026. La rete di stazioni di servizio ad idrogeno crescerà significativamente nei prossimi due anni, dalle attuali sei a circa 50.

L’idrogeno verde è una delle risorse energetiche più climate friendly, specialmente nell’industria e nella mobilità. Sarà un elemento centrale nel raggiungere le strategie di de-carbonizzazione dell’Unione Europea e dei singoli Paesi. Con la recente costituzione del suo business sull’idrogeno, Axpo intende assumere un ruolo di primo piano nella transizione verso la fornitura di energia CO2-free. La società mira a sviluppare progetti con una capacità combinata di 5 megawatt entro il 2022. Altri impianti simili alla centrale di Eglisau-Glattfelden sono in fase di pianificazione.

“L’Italia ha messo al centro della sua politica la transizione ecologica. Ha commentato Simone Demarchi, Amministratore delegato di Axpo Italia. Le competenze di Axpo nella produzione di idrogeno verde sono una risorsa anche per l’Italia che, come il resto d’Europa, deve oggi guardare anche a questa nuova sfida: generare e trasportare l’idrogeno grazie all’elettrolisi alimentata da fonti rinnovabili”

Le altre notizie

Classifiche Energy Risk 2021: Axpo ancora una volta tra i migliori energy trader del mondo

Scopri di più

AESI: vinta la gara per un innovativo impianto di trigenerazione

Scopri di più

Idrogeno, accordo tra Axpo Italia e RINA

Scopri di più

Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti per fornirti servizi in linea con le preferenze rilevate attraverso la tua navigazione nel Sito. Continuando la navigazione, acconsenti all’utilizzo di questi cookies. Per opporti a tale trattamento e per avere maggiori informazioni, leggi la nostra Informativa Privacy.