19.12.2018 | Dopo anni di annunci, dichiarazioni e previsioni, più o meno corrette, la mobilità elettrica privata sta finalmente diventando un fenomeno concreto e potenzialmente di massa.

Axpo Italia e le evoluzioni della mobilità elettrica

La tecnologia, almeno quella che sfrutta gli accumulatori al litio, è ormai abbastanza matura e l’offerta di veicoli sta aumentando sensibilmente. Se ci atteniamo alle indicazioni di investimento delle grandi case automobilistiche, che hanno ormai sposato la sostenibilità ambientale anche come efficace argomentazione di comunicazione, nei prossimi anni saranno disponibili decine di nuovi modelli con incrementate autonomie di esercizio.

Dal lato dell’infrastruttura di ricarica altrettante buone notizie vengono battute dagli uffici stampa dei grandi operatori energetici che si stanno attrezzando per popolare di colonnine i parcheggi delle città. L’espansione del mercato porterà poi a un inevitabile incremento delle economie di scala e quindi a una prossima e auspicata “engine parity” con i veicoli a motore termico. Riducendosi il gap di costo e l’ansia da autonomia la scelta verso questa soluzione tecnologica diventerà sicuramente più agevole.

Sembrerebbe quindi che si faccia sul serio: la cosiddetta e-mobility sta decollando… con tutti i vantaggi, ma anche con tutti i non irrilevanti problemi che le sono correlati.

È giunto infatti il momento di valutare, altrettanto seriamente, l’impatto di questo sviluppo tecnologico che, se da un lato pare rappresentare una soluzione per la sostenibilità ambientale della mobilità privata, dall’altro introduce serie criticità nella progettazione e gestione del sistema elettrico, dalla produzione alla rete di distribuzione.

Affrontare con chiarezza e senza pregiudizi questi temi permetterà di orientare politiche e strategie al fine di massimizzare i vantaggi e ridurre i rischi sottesi. Vediamone solo alcuni tra i più rilevanti:

  • Una maggiore intensità elettrica nella logistica e nei servizi comporterà l’inevitabile incremento della domanda di energia. Considerando che i combustibili fossili sono ancora le attuali principali fonti di generazione il beneficio ambientale di avere veicoli elettrici circolanti sarà in breve vanificato, salvo il vantaggio di avere le emissioni localizzate fuori dai centri abitati. Si dovrebbe perciò accelerare la transizione ad una generazione sempre più rinnovabile con tutti i costi e le problematiche relative.
  • La discontinuità giornaliera, settimanale e stagionale della fruizione dei veicoli introdurrà un ulteriore elemento di estrema variabilità nei carichi della rete elettrica locale. La stessa localizzazione delle attività di ricarica sarà soggetta a continui spostamenti in base ai flussi di traffico, spesso poco prevedibili. Per l’intero sistema di distribuzione sarà quindi necessario adottare soluzioni per bilanciare questi picchi di prelievo.
  • L’intera regolamentazione della rete andrebbe poi rivista alla luce dell’ingresso di questi nuovi soggetti della domanda. Ad oggi non esiste ancora una completa standardizzazione delle tecnologie di ricarica, ma nemmeno una piattaforma universale per gestire la contabilizzazione dei prelievi e i correlati flussi economici. Questo processo di convergenza delle soluzioni ad oggi sperimentate dovrebbe velocizzarsi quanto prima pena diseconomie per gli operatori e disservizi per gli utenti.

Infine vorrei citare la questione dello smaltimento dei veicoli, o meglio della componente più critica qual è la batteria. Il costo di questo processo e il suo impatto ambientale non è indifferente. La proposta di programmare una seconda vita all’interno del sistema elettrico dei componenti non più performanti, ma non esausti, potrebbe essere una soluzione praticabile. Le batterie dei veicoli non verrebbero quindi subito smaltite, ma riutilizzate in serie come accumulatori connessi alla rete per bilanciare le discontinue produzioni rinnovabili.

In definitiva la sfida oggi è quella di integrare lo sviluppo della mobilità elettrica all’interno del sistema elettrico stesso. Ovviamente prevedendo adeguati investimenti e un efficace quadro normativo sovranazionale.

Marco Garbero

General Manager Axpo Energy Solutions Italia SpA

More articles for you

Show all

Mercati energetici

How is electricity generated?

Electricity is generated in a variety of ways. Whether hydropower or nuclear energy, wind or solar energy, each form of production has its strengths and weaknesses. Do you know them?

Read more

Company

Da Axpo il primo impianto solare alpino su larga scala in Svizzera

Sulla diga Muttsee presso l'impianto di stoccaggio di Limmern, previsto il primo impianto solare alpino su larga scala in Svizzera, ad opera di Axpo.

Read more

Company

Da Axpo il primo impianto solare alpino su larga scala in Svizzera

Sulla diga Muttsee presso l'impianto di stoccaggio di Limmern, previsto il primo impianto solare alpino su larga scala in Svizzera, ad opera di Axpo.

Read more

Company

Europa, mercato dei PPA in crescente espansione: Axpo è al vertice tra le aziende più attive, seconda solo a Google

Aumenta l’impegno di Axpo per la fornitura di energia green.

Read more

Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti per fornirti servizi in linea con le preferenze rilevate attraverso la tua navigazione nel Sito. Continuando la navigazione, acconsenti all’utilizzo di questi cookies. Per opporti a tale trattamento e per avere maggiori informazioni, leggi la nostra Informativa Privacy.