03.07.2017 | Intervista ai trader di Axpo per capire gli effetti

L'importanza della metereologia nel settore energetico

Le previsioni meteo sono sempre più essenziali per le aziende di approvvigionamento energetico. Le previsioni di Axpo in merito a prezzi e riserve, ad esempio, si basano proprio sui dati meteo.

Le centrali nucleari di Beznau sono state disconnesse dalla rete, per lavori di risistemazione, durante l'estate, e non è un caso: interventi annuali di pulizia e di manutenzione di questo tipo vengono solitamente effettuati proprio quando il consumo di energia è al minimo, com'è normale che avvenga durante l'estate; un periodo durante il quale le centrali idroelettriche sono sufficienti a soddisfare la domanda di elettricità.

I normali cittadini non sono però gli unici a trovarsi in balia dei capricci della Natura: anche Axpo dipende moltissimo dal meteo.

Secondo Jivko Jekov, Head Power & Fuels Trading di Axpo, il termine "meteo" va interpretato in modo ampio, fino a comprendere sole, precipitazioni, livelli idrici e nevosi, e la luce.

Insieme a Jekov, incontriamo per un colloquio Felix Vogt, Head Dispatching & Balancing, e Remo Beerli, Meteo Analyst, per farci un'idea del rapporto tra Axpo e il meteo interpellando questi esperti, che si confrontano ogni giorno con i fenomeni atmosferici, integrando i dati relativi nel loro processo decisionale quotidiano.

L'influenza forte del meteo

Il concetto di base è, in realtà, molto semplice: l'acquisto e la vendita di energia elettrica si basano sulla capacità di garantire i migliori prezzi e volumi possibili. Ed è qui che il meteo entra in gioco: le centrali a energia solare ed eolica generano volumi elevati di energia quando il meteo è soleggiato, o in presenza di venti sostenuti.

Come diretta conseguenza di questo, il prezzo dell'energia scende.

Quando le temperature calano e vengono accesi gli impianti di riscaldamento, i consumi energetici aumentano, così come il prezzo che gli operatori devono pagare per l'energia.

In sintesi: consumi e impiego della rete e delle centrali sono fortemente influenzati dal meteo. In una certa misura, le previsioni meteo costituiscono uno dei fattori dai quali dipende il successo di una società energetica.

Enormi volumi di dati

Alla luce di questi elementi è evidente quanto sia necessario compiere ogni sforzo per includere nella pianificazione ogni contingenza possibile, il più precocemente possibile, e per prepararsi a scenari molteplici. Incaricato di questo compito in Axpo è Remo Beerli, meteorologo e responsabile della gestione di numerosi strumenti previsionali.

Per sviluppare le sue previsioni, Remo svolge ricerche all'interno di una pluralità di fonti e di banche dati, che includono modelli globali (americani, europei, canadesi e così via) di rappresentazione della fisica dell'atmosfera. "Disporre di una gamma vasta di dati è essenziale per definire lo spettro potenziale dello sviluppo meteo, per poi stabilire quale sia lo scenario più probabile", dichiara Remo. Le informazioni così acquisite vengono poi trasmesse ai trader.

Il segreto sta proprio nel vagliare questi volumi enormi di dati per trasformarli in informazioni fruibili e rilevanti: trader e operatori degli impianti eolici e idroelettrici possono trarre vantaggio dalle previsioni solo nel momento in cui il meteorologo ha estratto dai dati le informazioni "corrette".

Interdipendenze importanti

In passato, l'osservazione globale dei fenomeni meteorologici non era certo essenziale per le società energetiche: ma lo scenario è cambiato radicalmente negli ultimi anni.

Oggi, le interdipendenze sono più importanti che mai: "A seconda della sua intensità, un uragano in Nord America può influenzare il prezzo dell'energia in Svizzera e, quindi, avere implicazioni dirette per Axpo": questo Remo lo sa bene. Felix Vogt aggiunge che l'impatto sul prezzo dell'energia di una piena in Colombia (con conseguente aumento previsto del prezzo del carbone) può superare quello della quantità di energia eolica immessa nella rete in quel momento.

Ecco quindi che l'importanza di un fenomeno meteo non dipende necessariamente dalla sua vicinanza geografica, ma piuttosto dalla portata, sul mercato dell'energia, delle conseguenze potenziali di influenze o fenomeni climatici.

I recenti, catastrofici terremoti che hanno colpito l’Italia non hanno avuto impatto sull'attività di Axpo e sul mercato dell'energia, perché nessuna centrale elettrica ha subito danni. Completamente diversa, ad esempio, è la stata la situazione in occasione del disastro di Fukushima.

Può essere sorprendente ma, quando parliamo di previsioni meteo, i cambiamenti climatici non giocano un ruolo essenziale. Secondo Remo, questo elemento, dall’orizzonte temporale di giorni, settimane, mesi o anni, è troppo "lento" per poter essere preso in considerazione. "Naturalmente, il cambiamento climatico resta un dato di fatto, che ha modificato gradualmente le probabilità dell'occorrenza di diversi fenomeni meteorologici; e questa variazione deve essere presa in considerazione dai meteorologi" dichiara.

Servizio meteo per i dipendenti

Remo è molto popolare anche tra i dipendenti Axpo desiderosi di sapere come si comporterà il tempo, ad esempio per decidere che abbigliamento indossare durante la pausa pranzo. Remo aggiunge ridendo: "Quando il tempo resta freddo o piovoso un po' più a lungo del solito, in qualche modo il principale colpevole sono io".

Articoli correlati

Gas

Sistemi di accumulo, lo stato dell’arte in Italia

Scopri di più

Gas

Energia e mercato mondiale, quando il mare fa la differenza

Scopri di più

Gas

Hotel sostenibili, le tendenze da non perdere

Scopri di più

Gas

Decarbonizzazione dell’industria (senza gas)? Missione possibile

Scopri di più