15.11.2021 |

Axpo: nuovo impianto per la produzione di idrogeno verde nella cittadina svizzera di Brugg

Share

Axpo annuncia oggi il programma per la costruzione di un altro impianto per l’idrogeno verde nei pressi della sua centrale idroelettrica a Brugg, in Svizzera. Un ulteriore segnale di sviluppo nella rapida espansione del business dell'idrogeno verde per la società. Un protocollo d'intesa (MOU) è stato firmato con i partner locali, confermando l'intenzione di Axpo di fornire idrogeno ecologico alle stazioni di servizio della regione. Il progetto darà un importante contributo alla decarbonizzazione della mobilità nel Paese.

L’idrogeno verde è una delle fonti energetiche più rispettose del clima, particolarmente per l'industria e i trasporti, e sarà una delle chiavi per realizzare le strategie di decarbonizzazione dell'Unione Europea. Axpo è il più grande produttore svizzero e prima società nella vendita di energie rinnovabili in Europa e intende assumere un ruolo di primo piano in questo settore.

Grazie alle sue centrali idroelettriche, l'azienda è in una posizione ideale per integrare ai suoi servizi la produzione di idrogeno verde. A livello internazionale, Axpo ha già forti partnership con altre aziende leader nel settore dell'idrogeno e Axpo Italia sta collaborando con la società di servizi e consulenza RINA e con ABB per sviluppare una solida catena di approvvigionamento di idrogeno e realizzare progetti di idrogeno verde destinate a vari settori industriali.

Con la pianificazione dell'impianto di produzione di idrogeno verde previsto a Brugg, Axpo fa un altro passo. Progettato per una capacità installata fino a 15 MW, produrrà circa 2.000 tonnellate di idrogeno verde all'anno tramite elettrolisi. L'elettricità necessaria per la produzione proviene dalla vicina centrale idroelettrica Wildegg-Brugg di proprietà di Axpo.

L'idrogeno prodotto verrà trasportato alla stazione di rifornimento del partner locale di Axpo, Voegtlin-Meyer, attraverso una conduttura e venduto anche ad altre stazioni di servizio nella regione. La nuova fonte di energia sarà in grado di alimentare circa 300 camion e autobus all'anno. Il progetto darà anche un importante contributo alla riduzione delle emissioni di CO2 nel settore della mobilità. La IBB Energie AG, fornitore locale di energia nella regione di Brugg, intende utilizzare il calore residuo dell'impianto per una rete locale di riscaldamento per gli stabilimenti industriali.

I cittadini di Brugg avranno l'ultima parola sull'uso del terreno e potranno esprimere la loro scelta in una riunione pubblica che si terrà a dicembre 2021. Se la decisione sarà positiva, Axpo presenterà una domanda di licenza edilizia. La messa in funzione dell'impianto è prevista per la fine del 2023.

Le altre notizie

“Energie”: un anno di sport Italiano raccontato per Axpo Italia dagli scatti di Stefano Guindani

Scopri di più

Axpo Italia presenta il profilo di sostenibilità

Scopri di più

Il più grande impianto fotovoltaico delle Alpi in Svizzera produce la sua prima elettricità

Scopri di più